– Il simulacro crea dipendenza –

 

Nell’era della realtà incapsulata, dei formati, della nuclearizzazione dello spazio vitale, il bombardamento di informazioni e stimoli è costante e sempre più veloce, sempre più breve. Incapaci di elaborare tutte queste informazioni (che sostituiscono qualsiasi fatto, qualsiasi realtà, e che costituiscono l’oggetto di un nuovo consumismo, di un nuovo feticismo), il nostro desiderio è stimolato in assenza di qualsiasi piacere effettivo. Assuefatti da questa insoddisfazione polimorfica, siamo automi sonnambuli, esseri insettivori, vittime di impulsi e privi di sensibilità. La tecnologia è diventata una protesi, un’estensione del nostro corpo, così come una prigione; una moderna caverna platonica. Il simulacro crea dipendenza ed è più attraente della realtà. L’infinita espansione e modifica del sé è l’emblema della nuova libertà: una versione distopica dei vecchi desideri di immortalità. Ci chiudiamo nel nostro bozzolo di irradiazioni di pixel, dove moriamo nella vita incapaci di spegnere le luci della realtà proiettata.

Questa proposta espone la collisione tra impulso e sensibilità; falsa libertà e vera libertà. Con il pretesto di presentare il performer in un bozzolo luminoso, si mette in discussione la nuova identità; la singolarità delle nuove caverne platoniche; la danza di luci che costituisce la nuova cecità; i cavi che costituiscono le nuove catene.

 

”Angel Duran è un ballerino dalla consistenza e dalle risorse corporee indiscutibili”

Jordi Sora i Domenjó

Recomana.cat

 

 

 

Direzione / interpretazione: Àngel Duran

Composizione musicale: Alfred Tapscott

Design dell’illuminazione: Xavi Moreno / Albert Coma

Progettazione hardware: Xavi Moreno

Scenografia: Ángel Duran

Costruzione della struttura: Mecanitzats Roda de Ter/ Jordi Dorado

Disegno dei costumi: Jorge Dutor, Txell Janot

Assistente di direzione: Laura Alcalá

Assessoramento coreografico: Mario García Saez

Assessoramento drammaturgico: Roberto Fratini

Supporto alla produzione: ELCLIMAMOLA

Grafica: Joel B. García – Vectorwho

Vídeo: Pep Duran

Illustrazione: David Granados

Coproduzione: Fira Tàrrega, Festival Sismògraf, Teatre l’Atlàntida de Vic

Con il sostegno di: L’Animal a L’Esquena, CAM – Roca Umbert, Teatre Ateneu de Celrà, TLS Vic