“Un uomo non nasce, è costruito”

 

· COWARDS (vigliacchi), fa riferimento al carico socio-culturale acquisito per nascondere la vera identità dietro comportamenti prestabiliti. Questa proposta espone la dialettica, solitamente tossica, e la prigionia del comportamento maschile.

COWARDS mette in discussione i mandati della mascolinità contemporanea e come gli uomini si sentano sfidati da altri uomini a confermare pubblicamente la loro virilità e identità. Si riferisce alla codardia come a un disonore, come l’incapacità degli uomini di esprimere i propri dubbi o timori, per non confermare la propria fragilità. È la negazione dei sentimenti, che sono un territorio attribuito al femminile, per non confutare questa virilità, se non per la rabbia o la collera, che deve essere dimostrata attraverso l’esercizio della violenza e che è l’unico sentimento valido, l’unico applaudito , acclamato e ammirato, per la mascolinità tradizionale.

 

Regia e concept: Àngel Duran

Interpretazione: Yeinner Chicas e Àngel Duran

Colonna sonora: Joan Borràs

Progetto scenografico: Adrià Pina

Costume: Paula Ventura

Progetto illuminotecnico: Xavi Moreno

Consigli sui contenuti: Roberto Fratini

Produzione esecutiva: ELCLIMAMOLA

Con il sostegno di: l’Estruch Sabadell, SóLODOS Costa Rica, Teatre Cirvianum, Teatre l’Ateneu de Celrà,

Teatre Sagarra, Roca Umbert, TLS Vic e CC Sagrada Família.

 

Una coproduzione di:

 

 

Sostenuto da: